COME DIVENTARE UN PRO PLAYER DI QUAKE!

Posted by GameZone ottobre 4, 2019 in ESPORTS

– Chi sei presentati?

Ciao a tutti io sono Romeo “Romolo” Olivari e sono un player competitivo di Quake Champions.
Ho giocato competitivamente anche a ut2004, gioco dove ho vinto tanti tornei online e partecipato a tantissime lan ottenendo ottimi risultati.

– Come ti trovi in GameZone?

In GameZone mi trovo benissimo, se ho bisogno di qualcosa (grafiche per lo streaming ecc.) si muovono subito per realizzare il tutto.

– Progetti per la nuova stagione?

Sicuramente fare tante stream e suddividerle in: game e analisi dei miei game o game del team

– Come ti sei avvicinato a Quake Champions?

Quake mi ha sempre affascinato, venendo da UT2004 ho notato che le meccaniche sono molto simili, cambia giusto lo stile di gioco e i vari salti.

– Quali sono i tuoi obiettivi con Quake Champions? Diventare il numero uno? Migliorare ancora e ancora?

Quando competo penso sempre a vincere, quindi cerco il team giusto per portare a casa il miglior risultato possibile.

– Cosa puoi dirci sugli eSport? Credi sia un fenomeno destinato a crescere sempre di più?

Io penso che il mondo dell’eSport è fantastico, si conoscono un sacco di persone con la quale si passa la maggior parte del tempo,l’unico problema è che in Italia siamo indietro su tantissime cose (mentalità, connessioni)

– Qual è stato il tuo primo videogioco competitivo?

Unreal Tournament 2004 a 16 anni… e Vi posso dire che partecipare alla prima lan e vincerla è stata una bellissima soddisfazione e mi ha dato una carica assurda per continuare a fare bene. Vi dico anche una cosa: Io sono arrivato in lan con un monitor CRT e con un mouse da 2 euro, vedere tutti i mouse rgb e monitor piatti mi hanno fatto pensare che qualcosa del mio set up non andava bene , infatti per Natale la mia famiglia mi ha regalato il mio primo mouse serio (Logitech g5) e la prima tastiera seria (Logitech g15)

–   La giornata tipo di un player competitivo: come e quanto ti alleni, e come trovi concentrazione ed energia?

Quando ci sono i tornei importanti mi alleno tutte le sere dalle 21 alle 24, gli allenamenti sono strutturati in: Allenamento mira (per i più esperti faccio due game solo con il railgun in instagib), Allenamento riflessi (faccio uno game con le tre armi principali del gioco) e Studio Replay: Guardo TUTTI i replay delle mie partite per capire dove sbaglio

–   La partita che hai vinto più difficile in assoluto e quella per cui “ti mordi ancora le mani”?

Le partite più difficili sono state due:la prima è stata in una finale per entrare in prima divisione (la lega di quelli più forti in Europa, generalmente erano 20 team) Clanbase su UT2004 quando insieme al mio team abbiamo battuto i più forti 10 a 9 la prima mappa e 10 a 8 la seconda mappa (la finale era bo3 e il primo team che arrivava a 10 nella modalità Team Arena Master vinceva) e la seconda è stata sempre un altra finale, modalità 2v2 instagib, ero sotto pressione perchè per la prima volta mio fratello ha visto un mio torneo dal vivo e volevo dimostrargli tutto il mio valore. La partita alla quale mi mordo le mani è sempre su Unreal Tournament quando ho perso la finale di pochissimo contro un altro team italiano.

Cosa ti spinge ad essere un pro gamer, e dove vuoi arrivare?

Gioco competitivamente agli FPS da quando ho 16 anni, voglio portare la mia esperienza di Unreal su altri giochi ora che ne ho la possibilità e voglio puntare tutto su un gioco che uscirà a brevissimo (simile a Quake Live). Quando appenderò il mouse al “chiodo” voglio dedicarmi di più allo streaming, al casting delle partite e magari anche fare da coach a un team Italiano.
Vi invito a seguirmi su instagram (Romolo_official) o su Twitch (‪twitch.tv/romolotv‬) per restare sempre aggiornati su tornei ecc.